lunedì 3 luglio 2017

Io sono il messaggero - Markus Zusak

Casa editrice: FRASSINELLI
Anno di pubblicazione: 2015

Nr. pagine: 404

Prezzo di copertina: € 17,90



Voto personale: ❤❤




L'esistenza di Ed Kennedy scorre tranquilla. Fino al giorno in cui diventa un eroe. Ed ha diciannove anni, una passione sfrenata per i libri, un lavoro da tassista piuttosto precario che gli permette di vivacchiare, e nessuna prospettiva per il futuro. Quando non legge, passa il tempo con gli amici giocando a carte davanti a un bicchiere di birra o porta a spasso il Portinaio, il suo cane, che beve troppo caffè e puzza anche quando è pulito. Con le donne non è particolarmente disinvolto, perché l'unica ragazza che gli interessi davvero è Audrey, la ragione per cui è rimasto in quel posto senza vie d'uscita. Capace di colpirlo al cuore con una frase: "Sei il mio migliore amico". Non serve una pallottola per uccidere un uomo, bastano le parole. Tutto sembra così tremendamente immutabile: finché il caso mette un rapinatore sulla sua strada, e Ed diventa l'eroe del giorno. Da quel momento, comincia a ricevere strani messaggi scritti su carte da gioco, ognuno dei quali lo guida verso nuove memorabili imprese. E mentre Ed diventa sempre più popolare, mentre nota una luce diversa negli occhi di Audrey e la gente lo saluta per strada, inizia a domandarsi: da dove arrivano i messaggi, chi è il messaggero?

___________________

Ed Kennedy è un ragazzo di diciannove anni che conduce una vita tranquilla, piatta, inutile.
Vive da solo in una "baracca" di lamiera, maleodorante e sporca come il cane che la divide con lui.
La madre, diversamente dagli altri figli, lo tratta in malo modo quasi come se lo odiasse e non sopportasse la sua vista.
Lavora come tassista per poter portare a casa quattro soldi per mantenersi e la sera gioca a carte (la sua passione) con i suoi amici Ritchie, Marv e Audrey, amici che come lui conducono una vita misera e non hanno voglia di fare nulla per cambiarla.
Un giorno però la sua vita cambia all'improvviso.
Ed e i suoi amici assistono ad una rapina in una banca e Ed ,sopraffatto da un momento di adrenalina, riesce a bloccare il rapinatore e a farlo arrestare dalla polizia, diventando per qualche giorno un eroe.
Da quel momento succede qualcosa di misterioso..
Qualcuno mette nella cassetta della sua posta una carta da gioco, un asso di quadri, e su questa carta ci sono degli indirizzi.
Chi ha mandato la carta? Di chi sono quelli indirizzi? Che cosa ne deve fare?
Ed ci pensa per qualche giorno e poi decide di andare a spiare a questi indirizzi le persone che ci vivono per cercare di capirci qualcosa.
Si trova davanti ad una vecchietta che vive sola, ad una donna con la sua bambina che vengono ripetutamente violentate dal marito ubriaco e ad una ragazza sola con la passione per la corsa che non riesce mai a vincere una gara.
Ed capisce: la carta è una missione da compiere..


Infatti dopo l'asso di quadri seguono gli altri che corrispondono a missioni sempre più difficili, fino all'ultima carta, quella più complicata e importante di tutte, l'asso di cuori.


 ____________________________________


Ho ricevuto questo romanzo in regalo da una collega di mia mamma che aveva bisogno di liberarsi di alcuni libri che aveva in casa.

Mi hanno incuriosito subito sia il titolo che la trama, entrambi molto misteriosi e originali.
All'inizio ho fatto fatica ad apprezzare i personaggi con la loro vita triste, povera e monotona e la lettura scorreva un po' lenta.
Successivamente però, da quando Ed inizia a cercare di portare a termine le sue missioni, il racconto si riscatta a pari passo con il mio apprezzamento al protagonista.
Ed non è più il ragazzo svogliato, indifferente a tutto, che si barcamena tra il lavoro e la casa, ma un giovane volenteroso, sensibile e coraggioso che cerca di aiutare persone che nella vita hanno problemi più grandi dei suoi.
Tra le varie persone che Ed incontra e conosce sul suo cammino mi ha intenerito tantissimo la storia di Milla, una vecchietta malata probabilmente di Alzheimer che vive la sua vecchiaia aspettando il marito Jimmy, morto in età giovane.
Ed si presenta alla sua porta per farle compagnia e la vecchietta è convinta di trovarsi davanti il suo Jimmy, l'amore della sua vita.
Ed non fa nulla per distoglierla dalla sua convinzione, si lascia chiamare Jimmy e passa spesso il suo tempo insieme a Milla, leggendole libri o solamente facendole compagnia, perché sa che questi semplici gesti in realtà sono molto importanti per l'anziana.
Ed ha sempre avuto del buono dentro di lui, nascosto nel suo animo, bastava solo che qualcuno lo risvegliasse dal suo torpore e che gli facesse provare la gioia si sentirsi vivo e utile al mondo.
Questo è lo scopo che si è posto il personaggio che sta dietro alle carte da gioco...
Ognuno di noi può diventare migliore.



Nessun commento:

Posta un commento