lunedì 8 febbraio 2016

Piccole confusioni di letto - Emily Giffin

Casa editrice: PIEMME
Anno di pubblicazione: 2006
Nr. pagine: 379
Prezzo di copertina: € 10,50

Voto personale: ❤❤❤❤




" Rachel e Darcy, migliori amiche da sempre. Rachel, la brava ragazza, un po' chiusa e sognatrice, e Darcy, quella nata con la camicia, rigorosamente firmata, che da piccola non ha mai dovuto mettere l'apparecchio ai denti e aveva tutti i ragazzi che voleva, tanto che ora, non ancora trentenne, porta al dito un anello di fidanzamento grande quanto un cocomero. Rachel non aveva mia pensato di poter condividere qualcosa con Darcy, né i suoi vestiti alla moda né tanto meno Dex, il suo fidanzato. Eppure, quando, un giorno, si risveglia tra le braccia del futuro maritino, Rachel capisce di averla combinata grossa. "

 
Rachel e Darcy sono migliori amiche da sempre, da quando alle elementari si sono trasferite nello stesso quartiere ed hanno iniziato a frequentare la stessa scuola.
Darcy è una bambina con un carattere molto forte, capace di farsi valere e comandare all'interno di un gruppo. Una vera Queen Bee.
Tutte le altre bambine si contendono la sua amicizia perché Darcy è bellissima, carismatica e adorata da tutti.
Rachel ha la fortuna di essere la sua migliore amica, ha scansato tutte le altre pretendenti.
Rachel è l'amica fedele che le resta accanto nonostante tutti i "soprusi" subiti.
Le prime contese non tardano infatti ad arrivare.
 
" In quinta elementare, poi, abbiamo scoperto i ragazzi. Il che mi riporta a Ethan, la mia prima autentica cotta. Come ogni altra ragazzina in classe, Darcy era innamorata di Doug Jackson.
... Ma io ero innamorata di Ethan.
...Darcy e Annalise apprezzavano Ethan, ma non come me, e insistevano che Doug era molto più carino e fico.
...Tutti ipotizzavamo che Darcy avrebbe messo le mani su Doug.
....Per Halloween, Darcy, io e Annalise ci trovammo nella stanza di quest'ultima per preparare i nostri vestiti da zingare.
Mentre esaminava un paio di orecchini di pietre false appena acquistati da Claire, si guardò allo specchio e disse <Sai, Rachel, credo che tu abbia ragione>.
<Ragione su cosa?> dissi, avvertendo un'occhiata di soddisfazione e domandandomi a quale discussione passata si stesse riferendo.
Lei si agganciò un orecchino e mi guerdò. Non dimenticherò mai quel ghigno sul suo volto...il lievissimo accenno di un sorriso trionfante. <Hai ragione su Ethan. Credo che piacerà anche a me>.
<Che cosa intendi per "piacerà"?>
<Sono stufa di Doug Jackson. Adesso mi piace Ethan. Mi piacciono le sue fossette.>
...Il giorno successivo, a scuola, Darcy passò un messaggio a Ethan, in cui gli domandava se gli piacevo, se gli piaceva lei, o nessuna delle due...con una casella da barrare accanto a ogni opzione. Probabilmente lui scelse il nome di Darcy, perché si misero insieme nell'intervallo.
... Darcy mi aveva rubato Ethan. Forse l'aveva fatto perché aveva davvero cambiato idea su di lui, o almeno così dicevo a me stessa per smettere di odiarla. Ma era più probabile che Darcy avesse preso Ethan solo per farmi vedere che ne era capace."
 
In qualsiasi campo, non solo con i ragazzi, Darcy deve sempre averla vinta.
 
"Mi ricordo di quella volta in cui lei, Annalise e io siamo andate a comprare gli zaini, la settimana prima di iniziare la quarta elementare. Avevamo tutte individuato subito lo stesso zaino.
Era color porpora con delle stelle d'argento sulla tasca esterna...molto più fico degli altri.
Annalise suggerì che prendessimo tutte lo stesso zaino e Darcy disse di no, che era troppo infantile avere le stesse cose. Così facemmo la morra cinese.
Posai il mio pugno trionfante sulle loro forbici e infilai lo zaino porpora nel nostro carrello comune.
... Così Annalise si accontentò di uno zaino giallo con una faccina sorridente sulla tasca. Darcy scandagliò agonizzante quel che restava e alla fine ci disse che ci avrebbe dormito sopra per tornare con sua madre il giorno successivo.
.. Il primo giorno di scuola, quando arrivai alla fermata dell'autobus, vidi Darcy con uno zaino porpora identico al mio.
Lo indicai, incredula. <Hai il mio stesso zaino>
<Lo so> disse Darcy. <Ho deciso che lo volevo. Che importa se ce l'abbiamo uguale?>
Ma non era stata lei a dire che avere le stesse cose era infantile?"
 
Queste sono semplicemente scaramucce da bambini.
Ma Darcy, anche da adulta, cerca sempre di essere sotto i riflettori e di mettere in ombra tutte le altre ragazze.
Al trentesimo compleanno di Rachel infatti sembra monopolizzare tutta l'attenzione che invece dovrebbe focalizzarsi sulla festeggiata.
Rachel è una brava ragazza, ama la sua amica e non si permetterebbe mai di farle osservazione su queste sue manie di protagonismo. E' Darcy, e l'apprezza così com'è.
 
Commette però un grosso errore... o forse no.
Finisce a letto con il futuro marito di Darcy, Dex.
 
Dexter è un suo carissimo amico, un suo compagno ai tempi del liceo.
E' stata proprio Rachel a far incontrare Dex e Darcy, i quali la scelgono come damigella d'onore al loro matrimonio fissato tra qualche mese.
 
Rachel è estremamente imbarazzata per quello che è successo. In segreto ha sempre avuto un debole per Dex ma non avrebbe mai fatto una cosa del genere alla sua migliore amica!
Dexter però non vuole rinunciare a Rachel, non riesce a starle lontano. 
E' arrivato il momento di capire se quello che è successo è stato dettato solamente dalla paura dell'imminente matrimonio oppure deriva da sentimenti puri e sinceri nei confronti di Rachel.
 
Dexter prenderà una decisione?
E Darcy , nel frattempo, sospetterà forse qualcosa?
Come potrebbe reagire se la sua vita perfetta venisse stravolta da un'amica che ha sempre considerato inferiore di lei?
 
 
Decisamente una commedia divertente, che ho letto in un soffio.
Ho colto in Rachel molti tratti in comune con il mio carattere: la fedeltà assoluta, la bontà d'animo, la modestia, l'insicurezza e purtroppo anche la debolezza. Molte volte quando una persona è troppo buona con gli altri, rischia di essere schiacciata dalle persone che se ne approfittano.
Per quanto riguarda Darcy, invece,  ho visto in lei una persona estremamente arrogante, cattiva (per non dire altro!) e troppo sicura di sé.
Mi piace pensare che, anche le persone troppo spavalde e superbe , prima o poi cascano.
Su Dexter mi sono fatta completamente un'idea sbagliata. All'inizio, da buona romanticona, immaginavo già il lieto fine scontato... poi ho dovuto cambiare idea...e poi cambiare di nuovo...
Ma non posso approfondire troppo altrimenti finisco come al solito per rivelare il finale della storia!
L'unica cosa che mi ha un po' deluso del racconto, per essere sincera, è la mancanza di un vero scontro tra Rachel e Darcy.
Al di là della scelta finale di Dex, che non è la solita scontata, mi aspettavo che Rachel e Darcy litigassero sul serio, con uno scontro verbale che avrebbe portato Rachel a riscattarsi dal suo ruolo di seconda e Darcy a spiegare il motivo di tanto accanimento nei confronti di Rachel.
Perché Darcy è sì una donna che mette tutti gli altri in ombra, ma è competitiva a morte nei confronti solamente di Rachel , l'amica che non hai mai fatto nulla se non sostenerla nonostante tutto.
Per il resto il romanzo è scritto in modo sublime, scorrevole, coinvolgente e molto divertente.
Consigliatissimo per una lettura easy!
 
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento